“Il piacere di apprendere” Incontri web sulla educazione in una prospettiva libertaria

Posted on 20 Aprile 2020 by chiara za

 Incontri on-line promossi dal sito Educare alla Libertà e dal Centro Sereno Regis di Torino.Un percorso di approfondimento, studio e confronto sul tema dell’educazione libertaria a cura di Andrea Sola.

Per essere informati sui prossimi programmi iscrivetevi via email all’indirizzo: info@educareallaliberta.org

 

Il percorso si è sinora strutturato in sei appuntamenti nella forma di una conferenza virtuale interattiva, che si svolgeranno ogni venerdì dalle 17 alle 19.

In preparazione agli incontri vengono condivisi tra gli iscritti materiali video e articoli attinenti alle tematiche trattate.

Qui potere accedere alle registrazioni degli incontri sin qui svolti.

AUDIO DELL’INCONTRO DEL 22 MAGGIO

 

AUDIO DELL’INCONTRO DEL 15 MAGGIO: IL PROGETTO “UNA SCUOLA” DI VARESE

AUDIO DELL’INCONTRO DEL 15 MAGGIO: IL PROGETTO “BIMBI SVEGLI” CON GIAMPIERO MONACA

AUDIO DELL’INCONTRO DEL 15 MAGGIO: IL DIBATTITO

AUDIO DELL’INCONTRO DEL 7 MAGGIO

AUDIO DELL’INCONTRO DEL 1 MAGGIO

AUDIO DELL’INCONTRO DEL 24 APRILE

 

LA PROPOSTA

Molti genitori, educatori e insegnanti in questi giorni si interrogano sugli effetti della situazione emergenziale su bambini e adolescenti, mettono in discussione il proprio ruolo e le regole che fino a quel momento hanno costituito la routine per i nostri giovani piccoli concittadini; alcuni cercano di costruire un nuovo bagaglio di competenze per far fronte a nuove esigenze e a un futuro che si prevede ancora incerto per molti mesi.

Un’occasione, forse, per mettere in discussione tutto il nostro sistema educativo e guardare ad altro, ad una proposta che spiazza la necessità e la paura che forse in questi giorni proviamo di dover pianificare, organizzare e controllare la vita dei nostri figli, il loro processo di apprendimento e la pressione di indirizzare verso ciò che noi adulti riteniamo utile, la loro spontanea spinta all’apprendimento.

Una possibilità per documentarsi, riflettere e confrontarsi con altri su un modello alternativo che poco spazio ha ancora trovato nel nostro sistema educativo, soprattutto pubblico e istituzionale, e che forse, in questo momento di crisi, possiamo cogliere come opportunità per ripensare l’educazione in Italia.

Agli incontri verrano invitati ospiti che stanno conducendo esperienze pedagogiche innovative in ambiti diversi che ci auguriamo saranno occasione per nuovi scambi, nuove proposte operative ed auspicabili momenti di incontro diretto sul territorio.

 

Cura il percorso Andrea Sola, redattore del presente sito

Nell’incontro del 24 aprile si è trattato il seguente argomento: perché partire dalla innata curiosità dei giovani ad apprendere per rivedere il nostro modo di entrare in relazione con loro (esempi di come può avvenire una autentica assimilazione del sapere).

Nell’incontro del 1 maggio è stato introdotto il tema della responsabilità come cardine della relazione educativa, in particolare rispetto al ruolo svolto dal coinvolgimento affettivo nella trasmissione del sapere.

Nell’incontro del 7 maggio abbiamo affrontato il rapporto tra educazione e democrazia a partire da una descrizione del sistema scolastico danese. Ne abbiamo parlato con Luca Amicizia, uno studente italiano che ha completato la formazione nella libera Università di Ollerup ed ora insegna in Danimarca. Per visionare materiale informativo sull’argomento potete accedere a questo link: http://www.educareallaliberta.org/conoscete-il-sistema-scolastico-danese-una-proposta-di-incontri/

Abbiamo inoltre avuto con noi Maria De Biase, una dirigente scolastica del Cilento, che sta proponendo una interessante iniziativa di ampliamento degli spazi a disposizione delle scuole nel territorio per ampliare le possibilità di svolgere attività didattiche con gli studenti in vista delle probabili limitazioni nell’uso delle aule previste per l’inizio del prossimo anno scolastico.

Nell’incontro di venerdì 15 maggio abbiamo avuto ospiti le maestre\i di “Una scuola” progetto pilota in atto in una scuola primaria di Varese e il maestro Giampiero Monaca conduttore del progetto scolastico “Bimbi svegli” di Serravalle d’Asti.

Nell’incontro del 22 maggio abbiamo parlato del web come strumento di democrazia. Leggi l’articolo introduttivo