Paulo Freire, conferenza sulla pedagogia degli oppressi.

Nel filmato, tratto dal programma Dialoghi con Paulo Freire, del 1989, il grande pedagogo brasiliano, intervistato da alcuni docenti italiani, espone i principi della sua pedagogia, fondata sull’esistenza, in ogni società, di una dialettica tra oppressori e oppressi.
L’educazione è sempre stata relazione, tra l’insegnante e l’alunno, mediata dall’oggetto dell’insegnamento, che deve, in qualche modo, spaventare l’alunno, scuoterlo epistemologicamente e non con autoritarismo.

Continue Reading →

Paulo Freire, Le virtù dell’insegnante – video

 Nell’intervista Freire parla della tendenza della scuola ad essere elitaria. Accade infatti che il sistema scolastico operi una distinzione tra bambini che hanno facilità nella comprensione grafica del linguaggio, perché hanno dimestichezza con l’esperienza intellettiva, e bambini che sono cresciuti in un contesto sociale più povero, che li ha formati nell’esperienza pratica.

Inoltre Freire si sofferma su quelle che dovrebbero essere le qualità di un buon educatore: amare l’insegnamento e avere l’umiltà di porsi sullo stesso piano dell’educando, nella consapevolezza che il desiderio di conoscenza di chi impara è un desiderio universale, che arricchisce anche chi è preposto a soddisfarlo.

Continue Reading →

Paulo Freire: l’esperienza educativa in Cile – intervista

Nell’intervista proposta nell’unità audiovisiva, il pedagogo spiega il metodo, adottato in Cile, di “alfabetizzazione creativa”. L’obiettivo ad esso sotteso, ovvero la graduale presa di coscienza della realtà degli allievi adulti e analfabeti, veniva realizzato attraverso un percorso fatto di parole loro familiari. Nelle sequenze che riprendono una lezione in classe, si rende visibile la validità del metodo, il quale permetteva loro di impadronirsi, oltre che dei meccanismi linguistici, anche del significato reale, verificabile nella vita di ogni giorno, dei concetti appresi.

Continue Reading →