Palermo: Casa Officina

Intervista realizzata nel gennaio 2014 a Palermo presso la sede di Casa Officina da Andrea Sola per “CRONACHE DELL’ALTRA EDUCAZIONE”.

Che cos’è la Casa-Officina?

Continue Reading →

Un asilo autogestito a Palermo




Interviste alle promotrici dell’Associazione “Casa di tutte le genti” di Palermo che ha fondato nel 2006 un asilo autogestito per le donne di Capoverde. Attualmente l’associazione non ha ancora una sede stabile.

Mettere in Comune – 17-18 Gennaio 2014 Asilo A. Parisi – Palermo. Le Pratiche mettono in comune le loro risorse per affrontare in maniera creativa, solidale e di nuova sperimentazione democratica dal basso la precarietà e l’impoverimento, non solo monetario ma anche relazionale, culturale e “di senso”, nella consapevolezza che le politiche pubbliche messe in atto dalle istituzioni sono insufficienti e inadeguate per valorizzare i beni e le risorse comuni, il loro utilizzo consapevole, la loro redistribuzione giusta e solidale.

 

Mettere in Comune – 17-18 Gennaio 2014 Asilo A. Parisi, Via P.pe di Scordia 169 – Palermo

La Rete Mettere in Comune è composta da decine di “Pratiche”, attive a Palermo, che si occupano di spazi verdi e orti condivisi; riuso, riciclo e scambio; innovazione sociale e caring (come attività di cura per l’infanzia, per le persone dipendenti e tra le persone tutte, con particolare attenzione all’accoglienza reale dei cittadini e delle cittadine migranti); lavoro (anche e soprattutto cognitivo ed artistico); vivere sostenibile (inteso come bisogno generale di uno stile di vita improntato alla dignità per tutti e tutte, alla sostenibilità ambientale e all’economia di relazione); applicazione e difesa della Costituzione, dei diritti fondamentali e della libertà delle persone.

Le Pratiche mettono in comune le loro risorse per affrontare in maniera creativa, solidale e di nuova sperimentazione democratica dal basso la precarietà e l’impoverimento, non solo monetario ma anche relazionale, culturale e “di senso”, nella consapevolezza che le politiche pubbliche messe in atto dalle istituzioni sono insufficienti e inadeguate per valorizzare i beni e le risorse comuni, il loro utilizzo consapevole, la loro redistribuzione giusta e solidale.

Le strategie della rete MIC mirano a realizzare progetti e desideri al di fuori dei percorsi convenzionali, dando valore ai beni comuni, come l’acqua, la terra, l’aria, ma anche la cultura, i beni archeologici, artistici e monumentali, gli spazi pubblici, e opponendo alla logica della competizione sul libero mercato la condivisione e la cooperazione, la sperimentazione di nuove forme di democrazia dal basso, di riscrittura condivisa delle regole, di nuove modalità di accesso alle risorse che siano includenti e non selettive, antirazziste e non discriminatorie.

Tutto questo sarà tema di dibattito nella due giorni di Azione e confronto che si svolgerà il 17 e 18 gennaio 2014 presso la scuola Parisi di Borgo Vecchio.
Questo luogo è stato scelto perché si tratta di una risorsa sottratta alla città da anni, e la sua riapertura in questa occasione, dopo la consegna alla giunta comunale di migliaia di firme che ne chiedevano l’affidamento alle associazioni del quartiere in cui si trova, rappresenta la prima concretizzazione del tipo di risultati che la Rete Mic vuole raggiungere.

L’iniziativa, sostenuta dal Consiglio d’Europa, vedrà la presenza di ospiti nazionali e internazionali, che illustreranno percorsi concreti di messa in comune in altre città d’Italia e d’Europa che sono riusciti a ridisegnare i principi dell’utilizzo e dell’accesso alle risorse. Avranno luogo anche l’esposizione delle attività delle Pratiche della Rete e alcuni momenti di azione condivisa come il giardinaggio partecipato nello spazio verde, e ora abbandonato, della scuola Parisi.

Di seguito il programma completo:

Venerdì 17 Gennaio
ore 17:00 – Presentazione della Rete Mic e della vertenza per restituire al quartiere l’asilo Parisi di Borgo Vecchio. Proiezione del video “Mettere in Comune”, realizzazione audiovisiva Mon Amour Film
ore 17:30 – Assemblea plenaria “Beni comuni, luoghi comuni e pratiche del comune”

Partecipano:
Rete MIC; Gilda Farrell (Consiglio d’Europa) ; Luca Nivarra (Commissione Rodotà); Gino Sturniolo (Consigliere Comunale di “Cambiamo Messina dal basso”); Emilio Vergani (Esperto di responsabilità sociale e di bilancio sociale; valutatore e docente di metodi e tecniche della progettazione sociale); Roberto Covolo (Ex Fadda, San Vito dei Normanni, Br)

ore 20:30 – Aperitivo rinforzato
Sabato 18 Gennaio
Ore 9:30 – “Pratiche del mettere in comune da altre città”.

Partecipano:
Ciro Treppiedi (Cooperativa Odissea. Co-housing e agricoltura sociale); Andrea Sola (Educare alla libertà, Venezia); Claudio Farina (Spazio Opportunità, Trieste); Roberto Covolo (Ex Fadda, San Vito dei Normanni, Br)

Ore 10:30 – Confronto di tavoli tematici sui temi dei beni comuni e delle pratiche del comune.

Quattro tavoli ragioneranno con la tecnica del World cafè su tre temi fondamentali: 10:45 – 11:35 – Le relazioni umane nelle pratiche del mettere in comune
11:45 – 12: 35 – Rapporti tra le pratiche del mettere in comune e le istituzioni pubbliche 12:45 – 13:35 – Sostenibilità economica delle pratiche e creazione di reddito

13: 45 – PRANZO SOCIALE

14: 30 – 16 : 30 – ATTIVITA’ del Mettere in Comune: Giardinaggio partecipato nell’area verde della scuola a cura di Codifas.
Ore 16:30 – Restituzione dei tavoli di lavoro e assemblea di chiusura

La due giorni sarà arricchita dagli spazi espositivi, laboratoriali e comunicativi della pratiche aderenti alla Rete.
Partecipano e seguono i lavori Radio 100 Passi e Radio MIC.
L’iniziativa è sostenuta dalla Divisione Ricerca e Sviluppo della Coesione Sociale del Consiglio d’Europa nell’ambito del Progetto “Responding Together”.

 


page2image17168
page2image17440