escolamar

La Escuela del Mar a Barcellona nel 1922

Posted on 22 febbraio 2017 by Andrea Sola

Nel 1922 fu fondata a Barcellona una scuola in riva al mare basata sui principi della educazione all’aperto. La scuola fu bombardata durante la guerra civile e mai più riaperta.Qui l’articolo originale in spagnolo che la racconta

LA ESCUELA DEL MAR (traduzione di Luca Rubin)

La scuola si erge come una grande nave del Mississippi che si sarebbe arenata su una spiaggia. È fatta di legno, verniciato di bianco. In una galleria con colonne di rinforzo, è possibile vedere i salvagente.

Giù sulla spiaggia, ci sono un centinaio di bambini. La maggior parte è seduta sulla sabbia a guardare gli altri giocare. Alcuni sono protetti dal sole con un cappello a tesa larga.

Un giocatore ha saltato per cercare di prendere la palla, mentre l’arbitro osserva il gioco attento. È curioso che le ragazze sono a malapena distinguibili, perché una delle caratteristiche della scuola era la coeducazione. Ragazzi e ragazze partecipano alla stessa classe e hanno gli stessi diritti e doveri, in modo che fin da piccoli imparino a relazionarsi nel rispetto reciproco.

La spiaggia è di Barceloneta, che in quel momento non era un quartiere di turisti, ma di pescatori. I bambini sono studenti di L’Escola del Mar (1922), una delle scuole pubbliche che la città di Barcellona aveva iniziato con lo scopo di raggiungere tutti i settori della società attraverso un’educazione di qualità. Pochi anni prima aveva aperto L’Escola del Bosc a Montjuïc, che ha seguito l’esempio delle scuole all’aperto, scuole che si moltiplicavano all’inizio del secolo in Europa.

Lo scopo era di migliorare le condizioni di vita dei bambini. A quel tempo, la tubercolosi infuriava, attaccando senza pietà soprattutto i quartieri più poveri, dove le persone vivono in spazi angusti e con igiene carente. Respirare aria fresca e stare esposti al sole erano considerati modi per migliorare la salute generale e prevenire le malattie. Fino a quando il tempo lo permette, le lezioni si sono svolte all’esterno. La sabbia era la lavagna dove imparare la geografia. Quando la primavera è arrivata, gli studenti fanno il bagno quotidianamente e, dopo pranzo, un riposino su una sedia a sdraio. Alcuni si addormentano in modo pacifico che costerà molto a loro il doversi svegliare.

Dalla “coperta” della scuola, come passeggeri oziosi, molti uomini e donne provvisti di cappelli, guardano fuori. Ma in realtà, più che passeggeri, deve trattarsi dell’equipaggio, gli insegnanti, quelli che il capitano, Pere Vergés, aveva reclutato per condurre questo progetto. La maggior parte erano giovani desiderosi di cambiare il mondo attraverso l’educazione. Hanno seguito le idee della nuova scuola, il movimento educativo di carattere progressivo che ha sostenuto una formazione più attiva, motivante e democratica. I bambini sono stati divisi in tre gruppi (blu, bianco e verde), hanno eletto i propri rappresentanti, dopo una campagna elettorale. Con i moderni approcci come quello di Amara Berri , gli studenti stessi erano responsabili per garantire il corretto funzionamento delle diverse aree. C’erano varie posizioni a turno, come bibliotecario, cronista o l’incaricato del servizio meteorologico. La redazione del giornale scolastico, Garbí , anche dava anche il suo da fare.

La scuola del mare non era peculiare solo per la sua posizione, ma anche per il suo progetto educativo, che è innovativo anche oggi. In un momento in cui l’istruzione era basato sulla memorizzazione, ciò che è stato previsto in questa scuola è che i bambini imparano a conoscere e imparare con facilità. L’obiettivo era che gli studenti sviluppino un gusto per la lettura e di senso critico. Ogni volta che prendevano un libro dalla biblioteca, scrivevano un brano su quanto imparato, per condividerlo con i loro coetanei. Vengono abituati, fin dall’infanzia, a leggere e scrivere con un dizionario accanto, per sviluppare tecniche che permettono loro di imparare da soli. C’era anche spazio per lo sviluppo della sensibilità artistica. Grazie ad un juke-box, sono state effettuate audizioni di opere di Tchaikovsky, Mozart e Beethoven.

Il sogno è durato solo sedici anni. Ai primi di gennaio del 1938, durante la guerra civile, una bomba ha colpito la scuola. Fortunatamente non ci sono state vittime, ma la struttura di legno bruciò senza poter fare nulla per salvarla. Sono rimasti in piedi solo i pilastri in pietra.

Progetti educativi che a prima vista se l’erano cavata meglio sono stati anch’essi condannati all’oblio. La dittatura vieta ai bambini di studiare insieme e la Chiesa ha cominciato ad avere un ruolo nella formazione. Gli ideali della nuova scuola sono stati messi fuori legge e si impiantò un sistema autoritario in cui gli studenti dovevano eseguire semplicemente le regole.

Altre scuole nella natura in Paesi europei erano ancora popolari per un po’ di tempo, ma negli anni successivi alla seconda guerra mondiale, con la massiccia introduzione delle vaccinazioni e antibiotici, il modello è andato perdendosi.

Sono dovuti passare diversi decenni finché la formazione all’aperto è stata nuovamente rivendicata. Oggi, ancora una volta, molte voci difendono questo come il modo migliore per promuovere una crescita armoniosa. I bambini non hanno più la tubercolosi, ma molti altri problemi, da obesità infantile all’iper attività, fino a tutti i tipi di malattie autoimmuni, e potrebbe essere direttamente correlato alla mancanza di contatto con la natura. Pertanto, autori come Richard Louv parlano di Disturbo da Deficit di Natura per tenere conto di tutti i problemi connessi con il nostro stile di vita sedentario, iper esigente e staccato dall’ambiente naturale.

Tra le lezioni, il dopo-scuola e i compiti a casa, gli studenti di oggi trascorrono meno tempo all’aperto di un prigioniero. La situazione è così grave che anche una marca di detersivo ha creato uno spot pubblicitario per denunciare la situazione. Alcuni bambini arrivano a vivere tra le quattro mura, seduti o sdraiati, il 76% del loro tempo. Un problema che gli studenti della Scuola del Mare, che vedevano come i pescatori rammendavano le reti sulla sabbia ogni anno in primavera, non ha sofferto.

Dedicato a escuela Mar Nova de Premià de Mar, a rischio di chiusura. Se nel passato erano le bombe che concludevano progetti educativi unici, ora sono le autorità che rottamano l’istruzione pubblica sotto al nostro naso.

Di Almudena Garcia