Filter

SCHEDA DI ISCRIZIONE ALL’ARCHIVIO-EDUCATORI

L’Archivio-Educatori è uno strumento di collegamento e di informazione diretta rivolto a tutti gli interessati a percorsi di formazione nell’ambito delle pratiche educative.

All’archivio sono invitati ad iscriversi tutti coloro che, a vario titolo – studenti, insegnanti, educatori – sono interessati ad essere informati sulle attività di carattere educativo e formativo più interessanti ed innovative e ad esplorare la possibilità di parteciparvi e condividere le esperienze in corso.

Continue Reading →

un video del 1995 sulle attività educative ai Qurtieri Spgnoli

C.R.I.S.I. – Cantiere per la riqualificazione sociale integrata | 1995

L’Associazione Quartieri Spagnoli è attiva nel tessuto sociale di una delle principali aree del centro storico di Napoli ed ha partecipato al Progetto Sociale Europeo “Dalla prevenzione al lavoro”, nel cui ambito è stato prodotto e presentato il video C.R.I.S.I. Napoli Teatro Nuovo, Strasburgo ottobre 1995

XII edizione di Arrevuoto, a Napoli: Messa in scena de “Il suicida” di Nikolaj Erdman. Adattamento di Maurizio Braucci

Giunto alla sua dodicesima edizione, quest’anno Arrevuoto propone uno dei capolavori del teatro del ‘900, “Il suicida” del russo Nikolaj Ėrdman, messo in scena per la prima volta nell’Unione Sovietica nel 1928 da Mejerchol’d ma, a causa della censura stalinista, replicato solo nel 1990 dopo essere costato la prigione e l’ostracismo al suo autore.

“I nuovi cittadini” le 5 puntate del programma radiofonico di MARZIA CORONATI per Tre Soldi

I nuovi cittadini. Scuole popolari di ieri e di oggi

Si pensa la scuola come il dentro e la strada come il fuori […] se però dentro la scuola si accolgono veramente i ragazzi, e se quando a scuola non vengono si va nel loro fuori a prenderli per mano, allora si scoprono molte cose, e si può arrivare ad un rovesciamento della prospettiva: il territorio, la strada, appaiono come uno spazio claustrofobico, palcoscenico di copioni di vita rigidamente predisposti, e la scuola può diventare il luogo del cammino, di una strada da percorrere insieme, anche per incontrare tanti altri fuori diversi dal proprio
Carla Melazzini, Insegnare al principe di Danimarca

Continue Reading →

curriculum di Andrea Sola

curriculum di Andrea Sola 

Laureato in filosofia a Venezia nel 1980, si specializza quindi nella ceramica, e dal 1983 si occupa di didattica dell’arte.

Fonda a Sorano (GR) l’ Associazione Pandora, uno spazio di ricerca e di attività didattiche nel settore delle arti applicate che ha il suo fulcro nei Laboratori dell’arte applicata di Sorano, una scuola estiva che ha offerto per 30 anni una vasta gamma di attività didattiche nei settori delle tecniche pittoriche, della lavorazione del vetro, della ceramica e di molte altre discipline artistiche.

Dal 1986 al 1992 ha condotto la sede torinese dello Studio Pandora.

Nel 1994 ha fondato la rivista Pandora.

Dal 1996 al 1998 ha diretto a Venezia la galleria d’arte “Materia Prima”.

Nel 1998 – 99 ha diretto corsi CEE per la promozione dell’artigianato artistico.

ATTIVITA’ NEL SETTORE EDUCATIVO

E’ redattore del sito www.educareallaliberta.org  che dal 2011 si dedica a raccogliere materiali e testimonianze italiane ed internazionali sulle pratiche educative alternative.

lI sito è divenuto un punto di riferimento a livello nazionale per tutti gli interessati alla diffusione di notizie, riflessioni ed esperienze sulla nuova pedagogia.

Produzione video

Ha prodotto numerose videoanimazioni sulle attività didattiche svolte nelle scuole con il progetto “Il Gesto e la Parola”

Realizza documentari e raccoglie materiali video su  esperienze italiane ed estere di educazione alternativa (tutti di libera fruizione e presenti nel sito).

Sta attivando una rete di contatti e scambi con realtà affini in diverse parti del mondo.

L’attività a Mestre

Dal 2009 conduce il Centro Pandora che ha sede a Mestre all’interno di Forte Marghera dove è impegnato nella costruzione di esperienze educative basate sui principi della libertà e della crescita dell’autonomia infantile e della gioventù. In particolare ha organizzato un centro estivo nell’anno 2013 e a partire dall’autunno dello stesso anno ha dato vita all’iniziativa del Dopononscuola a Forte Marghera attualmente attivo.

Tiene corsi di formazione per ragazzi ed adulti. Svolge frequenti interventi di consulenza e corsi di formazione per insegnanti nelle scuole pubbliche. Collabora a titolo di volontariato con diverse realtà locali (scuole pubbliche, centri di accoglienza per stranieri, centri di salute mentale, centri educativi autogestiti, ecc) per la diffusione e la pratica delle attività artistiche.

Conduce laboratori di educazione all’immagine, in particolare con l’uso dell’argilla (i laboratori di narrazione per immagini “Il gesto e la parola“).

L’attività a Napoli

Dal 2016 ha iniziato ad operare a Napoli dove ha aperto un centro educativo presso l’ex Carcere Minorile Filangieri (ora Scugnizzo Liberato) di Montesanto dove vi ha allestito un laboratorio di ceramica che è il centro operativo dei diversi interventi che sta conducendo in numerose zone della città.

Da ottobre a dicembre 2016 ha tenuto un percorso di formazione sulla didattica della ceramica rivolto ad un gruppo di educatori già attivi nel sociale cittadino ed interessati ad un impegno futuro in questo ambito che si è concluso con un percorso di tirocinio diretto.

Sta inoltre avviando il progetto NapoliCresce che ha lo scopo di finanziare i laboratori artistici che operano nei diversi quartieri della città e di avviare percorsi di formazione professionale alle attività artigiane. Napoli Cresce è una linea di oggetti in ceramica per la tavola che riproduce espressioni della creatività infantile napoletana: sculture, dipinti, pensieri prodotti dai ragazzi nei laboratori artistici vengono selezionati e riprodotti fotograficamente su manufatti in ceramica.

Andrea Sola

tel 3381376675

email: gestoeparola@gmail.com

Siti di riferimento:

www.corsipandora.com

www.napolicresce.com

www.educareallaliberta.org

www.artandcraft.org

La Escuela del Mar a Barcellona nel 1922

Nel 1922 fu fondata a Barcellona una scuola in riva al mare basata sui principi della educazione all’aperto. La scuola fu bombardata durante la guerra civile e mai più riaperta.Qui l’articolo originale in spagnolo che la racconta

LA ESCUELA DEL MAR (traduzione di Luca Rubin)

La scuola si erge come una grande nave del Mississippi che si sarebbe arenata su una spiaggia. È fatta di legno, verniciato di bianco. In una galleria con colonne di rinforzo, è possibile vedere i salvagente.

Giù sulla spiaggia, ci sono un centinaio di bambini. La maggior parte è seduta sulla sabbia a guardare gli altri giocare. Alcuni sono protetti dal sole con un cappello a tesa larga.

Continue Reading →

“Lo stato della città” Il rapporto di Napolimonitor è on line

salve, come preannunciato quando uscì il libro, abbiamo creato un sito on line per lo ‘stato della città’. per il momento sono consultabili 15 articoli, più una introduzione (al sito e al libro). ogni venti giorni ne inseriremo una dozzina, in modo da rendere disponibile l’intero libro prima del’estate. ma la funzione più importante del sito sarà quella di ospitare nel corso del tempo gli aggiornamenti dei diversi contributi, a cominciare da quelli basati su dati annuali, e di accogliere nuove analisi e contributi critici. questo è il link, fatelo girare se volete

IL LABORATORIO DIDATTICO SULLA LAVORAZIONE DELLA CERAMICA AD USO DIDATTICO

SCUGNIZZO LIBERATO

la seconda fase del percorso

Il percorso di formazione sulla didattica della ceramica, a cura di Andrea Sola, iniziato in ottobre presso il laboratorio dello Scugnizzo Liberato si proponeva di avviare un percorso

Continue Reading →

la Newsletter dell’EUDEC del mese di gennaio: la conferenza a Parigi

Pubblichiamo la Newsletter dell’EUDEC del mese di gennaio, organizzazione europea delle scuole democratiche, che ogni anno tiene il suo convegno in un paese diverso. Quello del 2017 sarà a Parigi nel mese di agosto.

Continue Reading →

video: Voci dai bachilleratos populares a Buenos Aires

Cosa sono i “bachilleratos populares”, le scuole popolari ed autogestite nate durante gli ultimi tredici anni nelle fabbriche recuperate e nei quartieri popolari della capitale argentina? Le cinque videointerviste (a cura di Francesca Pontillo e montate da Pablo Mardone) a Vivian e Maximiliano del bachillerato popular Impa e Fatima, Lucero e Francisco di Voces de Latinoamérica, registrate tra giugno e ottobre 2016 nel corso di un periodo più ampio di ricerca svolto in queste due “scuole popolari” di Buenos Aires, ci guidano in un viaggio attraverso pratiche pedagogiche, storie di vita, di lotta ed organizzazione per trasformare la società a partire dalla sperimentazione di una educazione libera, critica, cooperativa, autogestita e fortemente legata ai movimenti sociali e popolari, per una educazione che sia parte integrante di una trama eterogenea di organizzazioni e di movimenti impegnati nella costruzione di pratiche e prospettive di lotta per un cambiamento radicale delle nostre società.

 

Marie-Laure Viaud, lo sviluppo delle scuole e dei percorsi pedagogici differenti, dall’inizio degli anni 2000, in Francia

 

L’articolo illustra lo sviluppo delle scuole e dei percorsi pedagogici differenti, dall’inizio degli anni 2000, e del modo in cui i protagonisti si sono adeguati alla evoluzione del contesto istituzionale, politico e sociale. Nel settore pubblico l’accresciuto potere acquisito dai funzionari intermedi dell’apparato gerarchico ed il sostegno istituzionale all’innovazione hanno condotto all’apertura di un certo numero di strutture cogestione da piccoli gruppi di insegnanti e dai responsabili istituzionali. Quindi gli insegnanti che oggi aprono delle classi o delle scuole “differenti” agiscono in maniera molto indipendente da condizionamenti istituzionali, potendo immaginare delle strategie atipiche rispetto a quelle previste a livello istituzionale. L’importante sviluppo delle scuole private avviene anche in questo caso secondo modalità diversificate ed in parte nuove.

Continue Reading →

NapoliCresce, un nuovo progetto per finanziare i laboratori artistici di Napoli

VAI AL SITO www.napolicresce.com

NapoliCresce è una linea di oggetti in ceramica per la tavola che riproduce espressioni della creatività infantile napoletana: sculture, dipinti, pensieri prodotti dai ragazzi nei laboratori artistici vengono selezionati e riprodotti fotograficamente su manufatti in ceramica.
La vendita dei prodotti ha lo scopo di finanziare i laboratori artistici che operano nei diversi quartieri della città e di avviare percorsi di formazione professionale alle attività artigiane.
Invitiamo chi voglia sostenere i nostri progetti ad utilizzare questi prodotti nelle proprie attività, acquistarli o donarli privatamente.

QUI SI PUO’ LEGGERE IL DOCUMENTO CON I PRINCIPI ISPIRATORI DEL PROGETTO

 

 

UNA LETTERA DI GIUSEPPE FERRARO DEL 27 GEBNNAIO: sui ragazzi di Nisida e no

Oggi è andata così, una giornata velata del dispiacere di perdere la voce di Gerardo Marotta, non la sua presenza in questa Città. Ieri a Nisida c’erano i ragazzi di scuole e comunità per il concorso promosso dalla cooperativa La Rete. Sono mancati solo i ragazzi che sono “ospiti” del carcere minorile. Un’occasione perduta, perché i ragazzi hanno bisogno di ritrovarsi nei loro destini di relazioni e sentimenti differenti. Nella sala della premiazione loro non c’erano.

Continue Reading →

LABORATORIO DIDATTICO SULLA LAVORAZIONE DELLA CERAMICA AD USO DIDATTICO a Napoli

SCUGNIZZO LIBERATO

LABORATORIO DIDATTICO SULLA LAVORAZIONE DELLA CERAMICA AD USO DIDATTICO

Il corso si svolgerà nel laboratorio di ceramica dello Scugnizzo Liberato e sarà tenuto da Andrea Sola del Centro Pandora

Continue Reading →

incontro sulla educazione del 25 aprile allo Scugnizzo Liberato, Napoli

GUARDA IL VIDEO

Le presentazioni di Andrea Sola alla iniziativa sulla educazione libertaria svoltasi il 25 e 26 aprile 2016 allo Scugnizzo Liberato, spazio occupato ed autogestito di Napoli.

Tutti i video delle conferenze di TUTTAUNALTRASCUOLA tenutasi a Vaiano il 10 e 11 settembre 2016

cliccare sul link sottostante per visualizzare l’indice dei video : le autopresentazioni delle diverse realtà svoltesi sabato e le quattro tavole rotonde svoltesi nella giornata di domenica.

Durante l’incontro si sono inoltre svolti nella giornata di sabato numerosi seminari  a numero chiuso. Per magari informazioni su questi contenuti ci si può rivolgere direttamente ai conduttori.

https://www.youtube.com/playlist?list=PLFeuRzM3iezkhpdxf3aOVIrTa0fO_WYe4

Decennale Mammut 1 ciclo di Forum/ Formazione per una scuola salutare

Decennale Mammut

1 ciclo di Forum/ Formazione per una scuola salutare

Continue Reading →

TUTTAUNALTRASCUOLA, 10-11 settembre. Presentazione del seminario di autoformazione per futuri insegnanti tenuto da Andrea Sola

Durane il seminario percorreremo a ritroso i vostri anni scolastici in modo da renderceli il più possibile presenti, cercando di guardare negli angoli nascosti di quelle esperienze per coglierne gli aspetti più significativi e duraturi.

Continue Reading →

Il progetto “La casa dei piccoli” di Ravenna, un centro di accoglienza per genitori

Un articolo da “Una Città” sulla esperienza della “Casa dei piccoli” di Ravenna: intervista alla fondatrice Nedda Papi

Continue Reading →

Alessandro Lumare: i laboratori “Segni mossi”

Alessandro Lumare vedi il blog

il progetto “segnimossi”

i video

è un autore di libri illustrati per l’infanzia, formatore artistico ed atelierista con esperienze lavorative decennali come videomaker, danzatore ed operatore socioculturale. La sua ricerca artistica è caratterizzata da multidisciplinarietà e attitudine all’innovazione creativa.
Racconto storie attraverso oggetti di uso quotidiano. Nel creare un’immagine cerco di limitare “il disegno” a pochi interventi essenziali, prediligendo l’aspetto compositivo a quello decorativo. All’interno dello stesso progetto mi piace convivano diversi livelli di astrazione: la mia aspirazione è suggerire che l’immaginazione è un processo (e stimolare ad esercitarlo).  Mi piace trasmettere idee con immediatezza, cercare immagini che comunichino la fragilità dell’intuizione.